• Le Gamberi Food

    Le Gamberi Food

La chetosi

Il regime alimentare chetogenico

La chetosi, uno stato metabolico particolare dell'organismo che è assolutamente fisiologico in assenza di malattie. Per indurre la chetosi ci sono sempre stati due metodi: o il digiuno o una dieta grassi e proteine. Ora è possibile attuare un regime chetogenico anche utilizzando un’alimentazione aglucidica. L’eliminazione degli zuccheri comporta nel corpo la produzione di chetoni a scopo energetico. I corpi chetonici sono molecole prodotte dalla mobilizzazione e combustione di acidi grassi in presenza di un’elevata quantità degli stessi o di una ridotta disponibilità di glucosio (da qui proviene la definizione “chetogenica”). Se si segue una dieta chetogenica (irrilevante contenuto di carboidrati) il corpo dovrà attingere energia dai trigliceridi e, stante la carenza di glucosio, gli acidi grassi derivati dai trigliceridi verranno trasformati in corpi chetonici.

Il meccanismo biochimico
Come funziona?

Quando si mangiano carboidrati, siano essi amidi o zuccheri semplici, il corpo per ottenere energia brucia il glucosio contenuto in questi. Il glucosio ottenuto dagli alimenti viene usato per produrre energia e, in parte, viene immagazzinato come glicogeno nel fegato e nei muscoli (tramite l’insulina). Il glucosio in eccesso e quindi non immagazzinato come glicogeno né utilizzato immediatamente viene trasformato in grasso corporeo. Quando serve per produrre energia, il glicogeno immagazzinato viene riconvertito in glucosio e usato direttamente o trasportato dal sangue ad altre cellule del corpo per l’utilizzo. In una dieta aglucidica, non essendoci più a disposizione glucosio o glicogeno per produrre energia, il corpo la ricaverà dalla degradazione degli acidi grassi presenti nell’alimentazione e dal grasso immagazzinato nel corpo. Il corpo quindi passerà, per produrre l’energia che gli serve, a bruciare il grasso che ha messo in riserva.

chetosi

_______________________________________________________________________________________________

L’insulina

Il pancreas è l’organo che svolge diverse funzioni digestive esocrine ed endocrine.

Tra gli ormoni prodotti dal pancreas vi è l’insulina.
L’insulina è l’ormone che permette l’ingresso del glucosio nelle cellule.

Il glucosio subisce tre processi:

viene utilizzato dalle cellule nella misura pari all’energia immediata che serve al corpo;
quello in eccesso viene trasformato da fegato e muscoli in glicogeno e immagazzinato come riserva di energia;
quello introdotto in eccesso viene trasformato in grasso del corpo.

Una eccessiva introduzione di zuccheri semplici e complessi crea una maggior produzione di insulina per consentirle di veicolare il glucosio alle cellule.

Questa viene definita una condizione di iperinsulinemia che, se è funzionale per l'assorbimento dei nutrienti dopo un pasto, può divenire causa di patologie se eccessiva e protratta nel tempo.

In larga misura le persone obese soffrono di iperinsulinismo, che oltre ad aumentare”l’efficienza” con cui stocchiamo grassi nelle cellule induce anche una fame compulsiva verso i carboidrati inducendone un consumo eccessivo e continuato.

Nel lungo termine questo iperinsulinismo fa diminuire l’efficacia dell’insulina.

Si può creare così una condizione di insulino-resistenza, cioè è necessaria sempre più insulina per permettere l’ingresso del glucosio nelle cellule. Così l’insulina in eccesso svolge il suo ruolo sul metabolismo del glucosio ma anche bloccando i processi di mobilizzazione di grasso (lipolisi) ed aumentando i processi di accumulo di grasso (liposintesi), intermedi del processo di formazione dei grassi vanno ovviamente a bloccare ulteriormente il meccanismo della lipolisi.

Alla fine l’insulino resistenza conduce ad un aumento cronico della glicemia o diabete mellito di tipo 2. Questo tipo di diabete è quello più diffuso ed è connesso con il sovrappeso e con l’ipernutrizione in una sorta di circolo vizioso. L’iperglicemia cronica porta a tutta una serie di patologie collegate che vanno da quelle cardiocircolatorie a quelle microcircolatorie (retinopatia), renali, nervose, ecc.

I corpi chetonici e la chetosi fisiologica.

Durante un digiuno o una dieta chetogenica i bassi livelli di insulina e di glucosio, insieme ad una elevata quantità di grassi inducono la formazione di corpi chetonici. I corpi chetonici sono: aceto acetato, Beta idrossi butirrato, acetone. Queste molecole sono in grado di passare la barriera ematoencefalica che circonda il cervello e di rifonirlo di energia (cosa che i grassi non possono fare: il cervello normalmente utilizza glucosio), allo stesso tempo vengono utilizzati come fonte energetica da altri tessuti. Questo stato di chetosi, assolutamente da non confondere con la chetoacidosi, è un vantaggio evolutivo che ha permesso all'essere umano di superare periodi di carestia. Fu uno dei massimi biochimici di tutti i tempi, Hans Krebs, a definire questa chetosi come fisiologica (per differenziarla dalla chetoacidosi patologica del diabete) già nel 1966.

LE GAMBERI FOODS srl | 4, Corso Diaz - 47121 Forlì (FC) - Italia | P.I. 03338350402 | Tel. +39 0543 33455 | info@legamberi.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite